giovedì 16 luglio 2009

Scudo Fiscale

Devo ammetterlo ero partito prevenuto verso quello che di fatto è l'ennesima sanatoria.
In realtà, analizzando la questione a tutto tondo le cose cambiano.
La critica che mi sento di muovere è forse l'obolo del 5% che poteva sicuramente essere innalzato di qualche punto. Presumibilmente però la scelta di tale percentuale non è scaturita dal caso ma dal rapporto capitali/ricavo di stato.
Una percentuale troppo alta avrebbe disincentivato il ritorno dei fondi.

Si stima che il gettito di tale manovra sarà di 5 miliardi di euro, cifra sicuramente ridicola raffrontata ai costi di operatività dello Stato italiano. C'è però da dire che, una volta rientrati in Italia, tali somme di denaro confluiranno a reddito e su questi si pagheranno le tasse decisamente superiori rispetto al 5% iniziale.

L'indotto da tale manovra, se il rientro di capitali seguirà l'andamento della precedente sanatoria, sarà importante per gli anni a venire. Il problema dei fondi neri all'estero è complesso e difficile ma è da risolvere. Si stima che vi siano fondi non dichiarati nei paradisi fiscali per 500 miliardi di euro. Il pugno duro e la tolleranza zero non servono; servono piuttosto manovre come questa che, previo il pagamento di un balzello fanno tornare parte di questi fondi in Italia.

Luca Borsetta, un italiano

2 commenti:

BertoHZ ha detto...

A me sembra un riciclaggio di stato...

Luca Borsetta, un italiano ha detto...

E' un riciclaggio di Stato.

Posta un commento